Migliorare l’equità sanitaria in Europa

Priorità per il panorama politico dell’UE nel periodo 2024-2029

231106_page_EU2024Priorità_illustrazione1

EuroHealthNet lancia le sue priorità per l’Unione Europea (UE) per migliorare l’equità sanitaria e il benessere in Europa entro il 2030 attraverso azioni sui determinanti della salute – condizioni sottostanti in cui le persone nascono, crescono, vivono, imparano, lavorano e invecchiano.

Le priorità proposte portano avanti gli obiettivi dei trattati dell’UE promuovere la pace e i valori europei, vale a dire la dignità umana, la libertà, l'uguaglianza e la solidarietà, nonché il benessere dei suoi popoli (articolo 3 del trattato sul funzionamento dell'UE (TFUE). L'obiettivo dell'UE di proteggere la salute in tutte le politiche dell'UE (Articolo 168 del TFUE) fornisce la base giuridica affinché l'UE e i suoi Stati membri accelerino l'azione politica a favore dell'equità sanitaria, soprattutto in settori tradizionalmente considerati "esclusi dal mandato della politica sanitaria" come l'occupazione, l'istruzione, l'ambiente, l'agricoltura, il commercio o economia.  

"L'obiettivo di EuroHealthNet è ridurre le disuguaglianze sanitarie in Europa. C'è ancora una differenza di 9 anni nell'aspettativa di vita tra i paesi dell'UE e il divario nell'aspettativa di vita sana è ancora più grande, fino a 18 anni. Le disuguaglianze portano a disordini sociali e mancanza della fiducia nelle istituzioni. Esse sono principalmente il risultato delle nostre azioni politiche e del modo in cui modelliamo le nostre società. La riduzione delle disuguaglianze dovrebbe pertanto essere una priorità fondamentale per l'UE."

Panoramica delle priorità di EuroHealthNet post-2024

  1. La visione generale di EuroHealthNet è quella di raggiungere a Economia del benessere nell’UE, che apporta benefici alle persone e al pianeta e garantisce la pace, la dignità umana, le pari opportunità e l’equità.
  2. Le istituzioni europee dovrebbero rafforzare e sostenere gli obiettivi sociali dell'UE e agire di conseguenza Pilastro europeo dei diritti sociali (EPSR) come strumento per raggiungere l’equità nella salute e un’economia del benessere.
  3. L’Unione sanitaria europea dovrebbe essere ampliata per comprendere altre priorità sanitarie.

1. La visione globale di EuroHealthNet è quella di raggiungere a Economia del benessere nell’UE, che apporta benefici alle persone e al pianeta e garantisce la pace, la dignità umana, le pari opportunità e l’equità.

2. Le istituzioni europee dovrebbero rafforzare e sostenere gli obiettivi sociali dell'UE e agire di conseguenza Pilastro europeo dei diritti sociali (EPSR) come strumento per raggiungere l’equità nella salute e un’economia del benessere.

3. L’Unione sanitaria europea dovrebbe essere ampliata per comprendere altre priorità sanitarie.

I. La visione generale di EuroHealthNet è quella di raggiungere a Economia del benessere nell’UE, che apporta benefici alle persone e al pianeta e garantisce la pace, la dignità umana, le pari opportunità e l’equità.

L’Europa si trova ad affrontare crisi molteplici, sovrapposte e crescenti, e conflitti armati, alimentati da pressioni sociali, politiche, ecologiche ed economiche. Queste crisi stanno causando un aumento delle disuguaglianze sanitarie prevenibili tra e all’interno dei paesi europei.

Risposte isolate, reazionarie e sconnesse non possono superare queste sfide complesse; richiedono una risposta comune, globale e visionaria. Questa risposta deve essere trasversale a tutti gli attori governativi dell’UE e a livello europeo, nonché a tutti i settori, e deve basarsi sul coinvolgimento dell’intera società.

231106_page_EU2024Priorità_illustrazione2

A Economia del benessere è un modello economico alternativo che ruota attorno all’investimento in tutte le persone, alla riduzione delle disuguaglianze e all’allineamento della produzione e del consumo con i confini planetari. Si tratta di garantire che le nostre economie siano riorientate per raggiungere meglio gli obiettivi di sviluppo sostenibile e andare oltre, valorizzando allo stesso modo non solo il capitale economico, ma anche quello umano, sociale, naturale e culturale.

Tutti gli attori hanno un ruolo da svolgere nel sostenere questo riorientamento. Istituzioni dell’UE, autorità degli Stati membri, società civile, comunità e cittadini, imprese sociali, aziende e imprese: tutti devono essere sensibilizzati, incoraggiati e messi in grado di contribuire a questa visione. Strutture di governance dell’UE solide e trasparenti che sostengono la coesistenza pacifica e soddisfano i bisogni umani fondamentali sono fondamentali, così come dare potere alle persone e dare loro una voce e una piattaforma.  

Per garantire un’attenzione di alto livello e un coordinamento degli sforzi in tutta la Commissione europea, EuroHealthNet raccomanda che nuovi Vicepresidente della Commissione per l'Economia del Benessere viene nominato, oltre al Commissario per la Salute e l'Alimentazione.

EuroHealthNet propone inoltre di utilizzare , il Semestre europeo come strumento di indirizzo chiave per attuare la visione dell’Economia del Benessere, guidata da un aggiornato Quadro di valutazione sociale contenente aggiuntivo indicatori sociali, ambientali e di benessere e a Wellness Meccanismo di allerta per l’azione politica.  

II. Le istituzioni europee dovrebbero rafforzare e sostenere gli obiettivi sociali dell’UE e agire sul pilastro europeo dei diritti sociali (EPSR) come strumento per raggiungere l’equità nella salute e un’economia del benessere

L' europeo Pilastro dei diritti sociali, che stabilisce i principi essenziali per costruire un’Europa più giusta, dovrebbe essere considerata una “Pilastro per l’equità nella sanità”. Tutti i 20 principi e diritti costituiscono condizioni essenziali per garantire che tutti raggiungano il loro pieno potenziale di salute e benessere. È necessario garantire un lavoro di qualità e adeguatamente retribuito, protezione sociale e servizi pubblici a tutti i gruppi della società, in particolare a quelli svantaggiati.

Per realizzarlo è necessario intraprendere azioni specifiche Principio 16 sull’accesso equo e conveniente a servizi sanitari tempestivi (preventivi) di buona qualità all’interno e tra gli Stati membri.

Un approccio basato sull’economia del benessere offre un quadro complementare più ampio per l’attuazione del piano d’azione EPSR entro il 2030, guidato da una strategia anti-povertà a livello dell’UE.

231106_page_EU2024Priorità_illustrazione3

Di fronte a un futuro incerto, dobbiamo promuovere la convergenza, la solidarietà, la fiducia e la resilienza in tutta Europa. Il cambiamento demografico e le transizioni digitale e verde richiedono una governance forte e visionaria e servizi pubblici adattabili per garantire che tutte le popolazioni ne traggano beneficio.  

In particolare, dobbiamo garantire questo la generazione successiva beneficia dei diritti sociali essenziali in modo che possa svilupparsi in condizioni che promuovano la loro salute e il loro benessere e sviluppino competenze essenziali per ereditare un mondo in rapido cambiamento. Occorre quindi dare priorità alle misure politiche volte a garantire il benessere dei bambini e dei giovani di tutti i gruppi.  

III. L’Unione sanitaria europea dovrebbe essere ampliata per comprendere altre priorità sanitarie

L' Unione Europea della Sanità (EHU) è un quadro positivo per riunire le misure di politica sanitaria, ma dovrebbe essere reso più olistico, incorporandolo l’equità sanitaria come indicatore chiave del progresso dell’UE.

Una maggiore attenzione all’onere di malattie non trasmissibili e dovrebbero essere incluse le disuguaglianze nel loro impatto distributivo. L’EHU dovrebbe anche coordinare un approccio più strategico nei confronti salute mentale in generale Politiche dell'UE.

L’UE dovrebbe fare un uso maggiore delle scienze sociali e comportamentali, come ad esempio Approfondimenti comportamentali e culturali raccomandato dall’Ufficio Regionale per l’Europa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per informare le politiche e le pratiche.

La spinta verso una copertura sanitaria universale dovrebbe essere ampliata per includere le sfide e le opportunità digitali emergenti.

Azione più audace sul determinanti commerciali della salute può ridurre gli squilibri di potere, creare condizioni di maggiore parità per le imprese, stabilire condizioni per la crescita e limitare la proliferazione di prodotti e industrie malsane e insostenibili.

Abbiamo bisogno che l’UE acceleri l’attuazione degli impegni nel pilastro prevenzione del Piano europeo di lotta contro il cancro, in particolare i fascicoli legislativi riguardanti alcol, fumo e alimentazione, attualmente ritardati a causa di vari interessi acquisiti.

L' crisi climatica è una delle sfide più urgenti che dobbiamo affrontare oggi. Il suo impatto sulla salute planetaria mette a rischio la nostra stessa salute e la resilienza dei nostri sistemi sanitari. Questo impatto è distribuito e sentito in modo diseguale. Sebbene tutti noi ne siamo colpiti, le persone in situazioni più vulnerabili sono particolarmente a rischio, sia per le conseguenze del cambiamento climatico che per quelle di essere lasciate indietro dalle soluzioni per adattarsi e mitigarlo.

Le istituzioni dell’UE devono sostenere gli Stati membri nello sviluppo di ambienti di vita e di lavoro favorevoli alla salute. Quest’area avrà bisogno di investimenti finanziari significativi, che potrebbero generare benefici collaterali per l’equità sanitaria, come nuove opportunità di lavoro e partenariati intersettoriali.

Altro co-benefici per la salute dovrebbero essere esplorati e sfruttati. Le istituzioni dell’UE dovrebbero guidare e incentivare gli Stati membri a stabilire le priorità rendere più verde il settore sanitario.

231106_page_EU2024Priorità_illustrazione4

Anche i nostri ambienti alimentari sono diventati sempre più insalubri, in particolare nelle aree più svantaggiate. Le tendenze al sovrappeso e all’obesità sono in aumento, anche tra i bambini. Raggiungere sistemi alimentari sostenibili e sani è una priorità chiave per l’equità sanitaria.

EuroHealthNet esorta le istituzioni dell’UE ad assumere un ruolo guida nella creazione e nella protezione legale di ambienti alimentari più sani e sostenibili, anche a livello globale, creando valore per le persone e il pianeta.

Per far sì che ciò accada, EuroHealthNet chiede il il nuovo Commissario europeo per la Salute e l’alimentazione riceverà un portafoglio ampliato sull’alimentazione; uno che include aspetti come l’alimentazione sana, gli ambienti alimentari e la regolamentazione del marketing e della pubblicità di alimenti non salutari rivolti ai bambini.

Con le elezioni europee previste per giugno 2024 – e con solo 6 anni rimanenti per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite per il 2030 – EuroHealthNet ha presentato le sue priorità politiche per il periodo 2024-2029 per l’UE. EuroHealthNet invita le istituzioni dell’UE ad allineare i propri obiettivi politici e i propri sforzi sotto la bandiera di un’economia del benessere, per garantire la sostenere la salute e il benessere delle persone e del pianeta e migliorare l’equità sociale nella salute per tutte le persone che vivono in Europa.

Tenere il passo con gli sviluppi della salute pubblica in Europa
Iscriviti alla nostra newsletter per riceverlo nella tua casella di posta

Il contenuto di questo sito Web è tradotto automaticamente dall'inglese.

Sebbene sia stato compiuto ogni ragionevole sforzo per fornire traduzioni accurate, potrebbero esserci degli errori.

Siamo spiacenti per l'inconveniente.

Salta al contenuto